Etichettato: lavori

Il Consiglio visto da noi – 17/04/2012

Ha senso scrivere ciò che succede? Invece di saltare la cena come l’ingenuo sottoscritto, anche quei quattro gatti stanno a casa a leggersi tutto dal nostro blog. Invece di andare in consiglio. Se poi vi asfaltano la cucina per fare un parcheggio di mietitrebbie o decretano che il vostro sado verrà utilizzato come discarica inerti, non venite a lamentarvi! Certo, capisco che in tv c’erano il film di Zorro e la prima tv di SOS Tata. In effetti partiva anche la fiction di Moana, che ad averlo saputo prima rimanevo a casa anch’io. Però dai, eravamo in sette persone ad assistere. Almeno ci fossero stati i bar pieni, ma non c’era nessuno neanche lì. C’è gente che non ci viene perché deve vedere Ballarò, il che è ovviamente un controsenso. Che poi in municipio ci si fa anche qualche risata. Consigliere Martelossi dà dieci a zero a Crozza. In comune il dibattito è interessante, è vivo e inerente alla nostra quotidianità. A volte nei salotti televisivi nemmeno si capisce di cosa stiano parlando, visto che si interrompono arrogantemente senza aver compiuto un ragionamento logico. Invece qua esiste il rispetto e ogni consigliere formula compiutamente anche i pensieri più scomodi. In questa seduta sono usciti un paio di dibattiti che Santoro se li sogna. È emerso il malessere e la difficoltà per non poter risolvere definitivamente la questione dell’IMU. Ci si è confrontati sui pro e i contro di una tassazione basata sulla ricchezza o sulla proprietà. Certo, può capitare di sentire boiate pazzesche o di incazzarsi con il consigliere che la pensa diversamente. Ma qui c’è vita, pensiero, ascolto, tensione e un po’ di sana goliardia, che rende tutto più appetibile.

Riassumo in modo molto breve alcune delle tematiche emerse dal dibattito. Inoltre al seguente link, avrete l’onore di leggere gli sms dal consiglio.

NOMINA DI UN NUOVO CONSIGLIERE
Nomina del nuovo consigliere Samuele Moretti. Baggio si dimette da consigliere, mantiene l’incarico di assessore esterno. Tutti augurano un buon lavoro al nuovo arrivato che si insedia al tavolo. Viene presentata anche la nuova revisora dei conti.
IMU E IRPEF
Un’ora e mezza vengono dedicate alle questioni Imu e Irpef. Il vice-sindaco palesa il disagio dell’Amministrazione, dovuto alle continue modifiche a proposito della tassazione Imu da parte del governo, che impedisce alle giunte di lavorarci serenamente.
ROTONDA DI ONTAGNANO
Fvg Strade progetterà la rotonda di Ontagnano. Viene fatto sapere che esisteva un progetto preliminare che non è stato presentato alla popolazione poiché l’eliminazione del depuratore porterebbe a dover organizzare un nuovo progetto. La minoranza fa presente il rischio di arrivare ad un progetto esecutivo senza aver raccolto i pareri dei cittadini. Viene altresì rilevata la presenza di un attraversamento pedonale, ma non si sa di che genere sia. La minoranza presenta una proposta di un sottopasso presso il cavalcavia. Si nota la fumosità della maggioranza su questo argomento. Notevoli le contraddizioni in materia.
INFERMERIA COMUNALE
La sede dell’infermeria comunale verrà spostata in palestra tra circa un mese, tempo necessario a collegarla telefonicamente. In futuro l’infermeria sarà spostata al centro ex Gandin. Secondo la maggioranza, il futuro nuovo spostamento renderebbe inutile la richiesta di munire la nuova infermeria di un bagno per disabili (che quindi dovrebbero attraversare tutta la palestra per andare ai servizi). Inoltre emerge una diatriba tra il Sindaco e i banchi della minoranza, in cui il Sindaco accusa le precedenti amministrazioni di aver agito nell’illegalità, vista l’infausta organizzazione degli spazi dell’attuale infermeria (motivo di spostamento ordinato dall’ A.S.S. n.5). Gli ex sindaci ricordano a Del Frate che ebbero le autorizzazioni delle autorità competenti e che se l’ambulatorio è illegale, non si capisce perché non sia stato chiuso da un pezzo anche sotto l’attuale amministrazione.  AMPLIAMENTO SCUOLE ELEMENTARI
L’ampliamento delle scuole elementari terminerà entro l’inizio del prossimo anno scolastico. In caso di disturbi alle lezioni causati dai lavori in corso, l’Amministrazione è a disposizione per risolvere gli eventuali reclami di insegnanti e genitori.
CENTRO GANDIN
I lavori del centro Gandin inizieranno quest’estate. L’assegnazione del primo lotto è andato alla ditta I.t.i. Impianti di Modena, mentre il secondo lotto alla Electrix Impianti di Castions.
PANNELLI FOTOVOLTAICI
Verranno montati cinque impianti fotovoltaici al costo di € 250.000 sulle seguenti strutture: Municipio, tribune del campo sportivo di Gonars, polifunzionale di Fauglis, campo sportivo di Fauglis, scuole medie o elementari a seconda della convenienza dovuta all’ubicazione dell’impianto. La minoranza fa presente l’avvicinarsi della scadenza del Conto Energia, con possibile rischio che tutto salti.
ASFALTATURE VARIE
Saranno riasfaltate alcune strade come via Trieste-via Torviscosa fino alle scuole medie o via Gorizia, sarà fatto il marciapiede all’imbocco tra via Dante e piazza San Rocco (non in porfido, perché non ci sono soldi come una volta). Sono stati richiesti studi di fattibilità per piste ciclabili in via Montesanto e via Molini. Verrà fatto un marciapiede dalla parte del cimitero di via Montesanto. Verrà asfaltato il piazzale in ghiaia presso la nuova scuola materna.
SEDE PROTEZIONE CIVILE
Spinto dalla minoranza, l’assessore Budai conferma le sue criticità sui costi della sede della protezione civile e sul suo decentramento. Comunque l’ubicazione è decisa e va portata a termine.
CASA DELL’ACQUA
Verranno spesi € 8.500 per edificare la casa dell’acqua, che sarà situata in via Torviscosa nel parcheggio vicino alla scuola.
CENTRO COMMERCIALE NATURALE
Si studia come utilizzare i finanziamenti per il progetto del centro commerciale naturale a cui hanno aderito una cinquantina di esercizi commerciali. In particolar modo si sta analizzando un utilizzo per quanto concerne segnaletica, sito internet e un’eventuale notte bianca.
RACCOLTA RIFIUTI
Baggio spiega come la raccolta differenziata funzioni in modo migliore nelle frazioni piuttosto che a Gonars. I problemi dei cassonetti pieni sono provocati da un errato posizionamento della carta da parte dei cittadini, mentre per quanto riguarda la plastica, si prevede una diminuzione di rifiuti con l’avvento della casa dell’acqua. Si denota un’alta concentrazione di rifiuti in via Paradiso, via Molini e via Venezia. In via Venezia, a dispetto di una minor utenza, l’immondizia cresce in modo direttamente proporzionale all’aumento dei bidoni. Si avvierà una nuova politica, con un collocamento dei cassonetti di dimensioni più piccole, posizionati in più zone. Viene anche fatto notare come il cassonetto di via Molini si riempia facilmente poiché a chi va in ecopiazzola, gli viene detto di non poter gettare lì certi materiali, che quindi scarica nei primi cassonetti che trova.
150° NASCITA TITA MARZUTTINI
Quest’anno ricorrerà il 150° dalla nascita di Tita Marzuttini. L’Amministrazione ha avviato i contatti con il pronipote. Si sta provvedendo per organizzare una mostra, un convegno e un concerto in cui verranno suonati tre inediti col coro di Ruda da fare in chiesa a Fauglis. Si vorrebbe erigere una statua di Marzuttini col suo cane.
GIOVANI
Carta giovani: solo due aziende gonaresi hanno aderito al progetto. L’assessore Baggio dice che col tempo ce ne saranno altre.
Si cercherà di avviare la consulta giovanile con la partecipazione dei diciottenni.
Il consigliere Elisetta Moretti chiede di istituire borse lavoro estive.
TAV
La regione ha promesso € 50.000 per uno studio sul territorio operato dai comuni. Bagnaria è stato scelto come comune capofila e ha scelto l’ing. Debernardi come esperto. Tuttavia al momento sembra tutto fermo. Il Sindaco ribadisce di non volere assolutamente il passaggio della Tav attraverso la frazione di Fauglis.
ALTRO
Il progetto di Idrochinesiterapia pare che non verrà realizzato.
C’è l’idea di munire le scuole di un alto numero di lavagne multimediali.

Annunci

Il Consiglio visto da noi – 30/09/2011

Dopo una lunga pausa, riecco la rubrica con il maggior coefficiente di difficoltà del nostro gaio blog gonarese. Assieme ad essa riproponiamo i dissacranti SMS dal Consiglio.
La seduta del consiglio comunale si è aperta con l’approvazione dell’ordine del giorno della seduta precedente, alla quale è seguito il discorso introduttivo del Sindaco che ha accennato brevemente agli argomenti da trattare e che ha colto l’occasione per un augurio di bentornato all’assessore Sedrani, assente per malattia alle ultime sedute.
Si è iniziato quindi a trattare il primo punto all’ordine del giorno: le variazioni al bilancio del 2011. Ad esporre l’operato dell’amministrazione comunale è stato l’assessore Sedrani, il quale ha comunicato la cifra di 93 mila euro utilizzati tra spesa corrente e spesa capitale. Le voci inserite nella variazioni di bilancio comprendono anche le spese ordinarie per il parco del Corno (40 mila euro circa), i finanziamenti per la sezione degli alpini di Ontagnano (500 euro), i finanziamenti al Progetto Gonars Vivo di 1,5 mila euro per l’acquisto di nuove decorazioni natalizie, 10 mila euro alla Munus per completare la sistemazione di parte del tetto della biblioteca, i finanziamenti alle associazioni sportive, la costituzione di un fondo adibito a sistemazioni viarie, il prolungamento dell’acquedotto in via Bellini e i lavori da effettuare nelle scuole primarie.
Da quest’ultimo punto sono partite le interrogazioni dei consiglieri dell’opposizione: il primo intervento è di Martelossi, il quale ha chiesto delucidazioni sul motivo per cui il nostro comune debba accollarsi la spesa dell’allacciamento idrico che, a suo parere, avrebbe dovuto essere a carico dell’Ato o del Cafc (il primo delega al secondo la gestione del servizio). A questo punto interviene il consigliere Cignola che auspica una maggiore vivacità dell’amministrazione comunale nei rapporti con l’Ato e, in particolare di richiedere che il nostro comune venga preso maggiormente in considerazione nei piani triennali di questo organismo. Sempre il consigliere Cignola, inoltre, lamenta una situazione di stallo nel completamento delle opere pubbliche che si traduce in aumento dei costi dei lavori; attraverso il suo intervento (nel quale fa notare la mancanza della palestra e della sede della protezione civile tra le opere da completare nel futuro) , il capogruppo della Lista Civica, ha permesso all’amministrazione comunale di mettere i puntini sulle i ad alcune variazioni che in precedenza non erano state ben esposte. In particolare i contributi devoluti alla Munus (10 mila euro), utilizzabili per mettere a posto parte del tetto della biblioteca, sono stati assegnati in quanto già montata nello stabile un’impalcatura adibita all’istallazione di pannelli fotovoltaici (a spese dei soci dell’associazione); l’amministrazione ha voluto, quindi, approfittare del fatto che l’impalcatura è già presente nello stabile per fare ulteriori lavori di sistemazione. Si è fatta luce, inoltre, sui lavori di sistemazione delle scuole elementari: i fondi per far ciò provengono per 100 mila euro da contributi statali mentre per 170 mila euro da fondi comunali: questi lavori, ha spiegato il Sindaco, dovrebbero essere ultimati entro l’inizio del prossimo anno scolastico. Un’altra data fissata dall’amministrazione è l’inizio dei lavori del nuovo centro polifunzionale (area Gandin) che avverrà tra 3 mesi.
Non si è ben chiarito, nonostante il dibattito tra le parti, il comportamento dell’amministrazione comunale riguardo il tema della gestione della casetta dello zio Tom II e degli eventi ad essa collegati (torneo di beach soccer, attività con disabili). Questo è un tema che alla redazione di Corsia d’Emergenza sta molto a cuore e perciò si chiede di fare maggior chiarezza.
Dopo aver votato le variazioni di bilancio si è proceduto a dibattere sullo stato di attuazione del programma annuale, il quale per quanto riguarda le opere pubbliche si assesta attorno ad una cifra del 14%: un dato positivo in quanto è maggiore rispetto a quelle dei due anni precedenti, in ordine cronologico 0% e 8%. Nonostante il trend crescente, Cignola ha fatto notare che questo valore avrebbe dovuto essere ben più elevato (50%) poiché tutte le opere in programma avevano già ricevuto fondi al momento della redazione del programma annuale: non erano, quindi, progetti che partivano da zero.
Ultimo punto trattato, infine, è stato la variazione al regolamento per la vendita delle aree della zona industriale con la possibilità di rateizzare ulteriormente il pagamento; il dibattito ha avuto come principali partecipanti l’assessore Boemo e il consigliere Martelossi che chiedeva l’applicazione di un adeguato interesse. Dopo diverse proposte si è arrivati ad una votazione favorevole all’unanimità di tutto il consiglio che impegnava la Giunta a valutare qualsiasi tipo di possibile danno erariale.

Illusioni

Da mesi evito di avere un mestiere fisso. Per vivere mi mantengono i bar della zona.
Da qualche anno, 7 dei 38 bar di Gonars non possono più lavorare, perché sprovvisti di connessione internet decente. Infatti capita che adesso molti clienti vengono da te solo se hai la pagina di Facebook, se no non ne vogliono sapere. Puoi anche avere il barbera più buono, che piuttosto ti vanno a bere l’aceto nell’autogrill. Allora, anziché di buttare via il vino per i campi come fanno i Cobas, lo danno a me e altri quattro di loro, messi anche peggio del sottoscritto.
Ieri mentre andavo a caccia (fucile abusivo) vidi operai che spaccavano tutto col motopic.

Io: – Mandi Capo, ise vere che o metes jù i cavos par fa internet?
Operaio: – No. Ca si fas une buse di tre chilometros. Dopo le lassin vueide, cussì no s’inquine le falde.
Io: – E dopo le cuviargeso dignuf?
Operaio: – Sigur po.

Con tutte queste novità, i bar non hanno più interesse a dar via vino a uno come me. Mi tocca trovare un altro modo per vivere. Per ora ho iniziato a scavare un fosso di settanta metri in via Alturis. Poi, qualcuno che vuole metterci dentro qualcosa lo troviamo.