Risposta al Sindaco – parte 1

Al Sindaco del Comune di Gonars

Con la presente voglio rispondere alle critiche mosse nei confronti del post “L’ora della Terra a Gonars”.
Leggendo la sua risposta le confesso che mi sono trovato un po’ spiazzato, in quanto non ho capito bene dove si trovi l’incorrettezza, l’incompletezza e la non veridicità dell’informazione. Nel mio post non ho mai messo in dubbio che l’Amministrazione stia facendo qualcosa per risparmiare energia, cosa di cui sono al corrente, ma mi sono limitato ad indicare quali sono gli sprechi su cui si può ancora agire. Il fatto, poi, che l’Amministrazione abbia una politica rivolta al risparmio energetico, che personalmente appoggio pienamente, non giustifica il fatto che i monumenti di Gonars rimangano illuminati per tutta la notte, anzi è un’aggravante, perché quello che si è risparmiato da una parte, viene poi sprecato in questo modo. E per questo motivo, pur essendone a conoscenza, non ho ritenuto opportuno trasmetterlo alla popolazione.
Sul fatto che “L’ora della Terra” fosse solo un’azione dimostrativa cito testualmente quanto ho scritto: Il consumo energetico è un tema di grande importanza, e non sarà un’ora di buio a salvare la terra, ma l’iniziativa vuole segnalare che gli sprechi che si possono evitare sono molti”. E lascio al lettore ogni considerazione.
In conclusione chiedo: visto che nella lettera di risposta al mio articolo non si difende la decisione dell’Amministrazione di tenere le luci accese sui monumenti durante tutta la notte, perché non si prende questo post semplicemente come un consiglio e lo si applica?
Colgo l’occasione, inoltre, per ricordare che nel primo numero di “Corsia d’Emergenza” avevo redatto un articolo riguardo alla segnaletica stradale, in cui segnalavo dei problemi e proponevo delle soluzioni, frutto della consultazione di persone competenti in materia e di uno studio sul codice della strada. I problemi sono ancora lì.
Negli auguri che lei ci ha fatto, e che sono stati pubblicati sul primo numero del nostro giornale, ci invitava a criticare, se possibile per costruire. E queste, penso siano delle critiche per costruire. Vorrei dunque invitare l’Amministrazione, a non prendere queste critiche come un attacco personale, e non considerarmi come una persona che vuole screditare il loro operato. Ma a prenderle come delle osservazioni di un loro concittadino che commenta ciò che vede.
Concludo dicendo che mi sembra positivo il fatto che lei cerchi di chiarire le incomprensioni che possono inevitabilmente nascere tra noi, e rimango a completa disposizione per eventuali chiarimenti.

Alberto Fabio

La seconda parte, a cura di David Benvenuto, verrà pubblicata nei prossimi giorni.

Annunci

Un Commento

  1. Xander

    Come ho espresso un impressione positiva per la lettera del Sindaco, devo farlo anche per questa tua risposta, Alberto: bravo, ottima sia nel tono che nel contenuto.

    Va sottolineato quanto sia positivo il fatto di poter avere questo canale di comunicazione diretta con le Istituzioni.
    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...