Un’iniziativa che… bho, non so.

Una cosa che molti si stanno chiedendo in questi giorni in giro per la provincia di Udine è: ma le sagome nere messe ai lati delle strade a cosa servono? Se provate a chiedere in giro sentirete risposte vaghe del tipo: non so, qualcosa sulla sicurezza stradale immagino…, è un’opera d’arte di un artista famoso…, o da chi qualche tempo fa aveva letto l’articolo uscito sui giornali che ne spiegava il significato: servono a sensibilizzare la gente sulla strada mi pare…, qualcun altro invece pensa siano bersagli e le vandalizza (vedi foto).
Dobbiamo fare i complimenti quindi alla Provincia di Udine e al progetto Easy Foot. Bravi dunque il messaggio che volevate dare alla gente si è capito bene: “abbiamo soldi e non sappiamo che farcene”.
Infatti anche chi incuriosito, cerca sui siti www.provincia.udine.it o su quello www.easyfoot.it non trova informazioni in merito. Visitando il secondo, si capisce che deve per forza essere un’iniziativa in merito alla sicurezza stradale, ma nulla di più. Non si sa come funziona, non si sa il significato, nessuna informazione su questa iniziativa. Per quel che ne so potrebbe anche essere una buonissima idea per sensibilizzare la gente sul tema, importantissimo, della sicurezza stradale, ma per come è stato fatto risulta essere solo uno spreco di soldi che potevano essere spesi per rendere le strade più sicure in altri modi, come l’incentivazione all’utilizzo dei mezzi pubblici, che di fatto Easy Foot fa, anche se, per esempio a Gonars, questi esistono solo per gli studenti, o dandoli alla polizia stradale perché fornisca un maggiore controllo, o in mille altri modi differenti dal mettere delle sagome sul ciglio della strada di cui la gente si chiede il significato.
Dite pure la vostra sia qui che sul sito di Easy Foot.

Annunci

  1. Vitellozzo

    Mi dicono che due sagome erano state buttate giù da dei vandali per poi essere prontamente rimesse in piedi da chi di competenza. La foto che mostrate sembra avere un foro al centro della sagoma che ne denota l’esposizione, purtroppo, al vandalismo. Dicono che la sera si rischia di fare delle brusche frenate quando le si nota a bordo strada perchè si pensa siano persone in carne ed ossa che stazionano sul ciglio della strada. Speriamo che queste brusche frenate un giorno non causino tamponamenti! Al di là delle battute, avete ragione, il progetto non sembra molto pubblicizzato nei suoi perchè e per-come. Forse però, stanno funzionando perchè oltre a rallentare, hanno sollevato il problema della sicurezza stradale, visto che siamo qui a parlarne. Maman

  2. Crociato

    Nell’intenzione hanno imitato i nostri vicini austriaci. Loro hanno cartelloni sulle strade ad alta percorrenza in Austria (una bella croce gialla fosforescente su un bel rettangolone nero). Tutto un programma quando le vedi, ma almeno più immediati e meno folcloristici.
    I nostri sono posizionati anche troppo vicino al bordo stradale. Vedrete che qualcuno ci sbatterà contro. E qualcuno si farà male per una “fantasia” della Provincia che nessuno di noi credo abbia chiesto.

  3. nantokanà

    vedrete che con somma gioia, qualcuno tirerà il botto grazie alle sagome, penso ad esempio a quella sullo stradone da Chiasiellis a Pozzuolo, con condizione di strada poco illuminata, pioggia battente e buio, e velocità (dato il rettilineo d’arrivo all’incorcio)sostenuta, farà sì che la frenata da panico faccia parcheggiare per bene il mezzo fuori strada.
    Tornando da Udine verso la ridente cittadina oggetto di questo blog, c’è stato un giorno in cui non ce ne era UNA in piedi.
    Saluti.

  4. silviadanielis

    Devo dire di trovarmi d’accordo con i commenti riguardanti le perplessità nelle modalità di attuazione dell’iniziativa. Vorrei aggiungere che questi “angeli della strada” non rispecchiano neppure le norme di sicurezza minime da tenere nella percorrenza a piedi o in bicicletta di strade extraurbane o poco illuminate: il famoso giubbotto catarinfrangente o in alternativa le bretelle retroriflettenti (se non sbaglio previsti anche da alcune norme)! A mio modesto e oppinabile parere, una corretta campagna sulla sicurezza stradale dovrebbe vertere principalmente sulla presa di coscienza ma soprattutto di responsabilità di tutti gli utenti delle strade. Posizionare figure scure ai lati delle strade è paragonabile al giustificare pedoni o ciclisti a camminare ai lati delle strade perchè no, travestiti da cespuglio, incuranti dell’ovvio e concreto pericolo in cui non solo andrebbero in contro, ma nel quale farebbero incorrere gli stessi automobilisti. Invece di farli esplodere con “goliardici” atti vandalici, perchè non ricoprirli di giubbetti di nastro fluorescente?

  5. Vitellozzo

    a Gonars mi dicono che qualcuno ha parlato in piazzetta dei costi di queste sagome. Secondo l’esperto con il calice in mano, sono costati 250.000 euro nella manifattura e …1 milione di euro come progetto. Boh!

    • albertofabio

      Si, adesso non riesco a recuperare il dato visto che il sito di Easy Foot è un affronto alla facilità di accesso alle informazioni, comunque avevo visto che l’intero progetto Easy Foot, comprendente anche altre iniziative, è finanziato da Provincia di Udine e Unione Europea per 1 milione di euro. Per quanto riguarda i costi di produzione e posa in opera non saprei, contando che sono state piantate come dei segnali stradali il costo potrebbe anche essere congruo, ma come già detto su internet non c’è traccia dell’argomento…

  6. Laura Bassani

    Ho cercato sulla rete per sapere qualcosa di più delle sagome in seguito al fatto che le ho trovate bellissime, piene di poesia e d’amore; le ho incontrate due volte: mi hanno sorpreso, emozionato e scaldato il cuore … finalmente qualcosa che va dritto al cuore, credo ce ne sia bisogno. Ringrazio chi ha avuto l'”audacia” di proporle e mi auguro raggiungano il maggior numero di cuori.

    Laura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...